Testi e foto / Textos y fotos:
Roberta Gottardi
(Tutti i diritti riservati / Todos los derechos reservados)

venerdì 1 ottobre 2010

CASTEL THUN

Nella sala degli antenati

Situato sulla sommità dell'antico colle di Belvesino, in una posizione panoramica che domina il territorio della Valle di Non e i monti circostanti -dalle Dolomiti di Brenta alla catena delle Maddalene- Castel Thun è un raro esempio di castello abitato nel corso dei secoli dalla stessa famiglia e che conserva ancora gli arredi originali.
Stipo seicentesco

La fondazione del luogo fortificato, culla della dinastia dei Thun, risale al XIII secolo. Numerosi interventi di ammodernamento, concentrati soprattutto nel XVI secolo e negli ultimi anni del Settecento, trasformarono gradualmente il mastio del primitivo insediamento sorto a scopi militari, in una dimora principesca, con l'aggiunta di un ampio sistema di fortificazioni, composto da più ordini di cinta murarie con porte, torri, bastioni e fossato, che racchiudono gli ampi giardini.

Stanza del vescovo
Nel 1992 il castello viene acquisito dalla Provincia Autonoma di Trento e dopo diciotto anni di impegnativi lavori di restauro che hanno interessato il complesso architettonico e le collezioni, avviene l'evento tanto atteso: l'inaugurazione del 17 aprile 2010.

Il percorso di visita è un invito ad entrare nel cuore della storia trentina, attraverso una delle sue più illustri famiglie. La cappella palatina, le cucine, la sala da pranzo, la sala degli antenati e la stanza del vescovo sono solo alcuni dei numerosi ambienti di rappresentanza e di servizio che restituiscono l'immagine della vita all'interno della prestigiosa dimora.

Sala da pranzo
Castel Thun è oggi uno dei poli del Museo del Castello del Buonconsiglio - Monumenti e collezioni provinciali ed è visitato da migliaia di persone, che ne rimangono entusiaste.


Il servizio della rubrica "Sì Viaggiare" (Rai 2), trasmette il fascino del luogo.

Stanza dei mobili di Praga
Per raggiungere il castello, dall'ampio parcheggio è necessario percorrere a piedi un tratto di stradina sterrata in leggera salita. Per la visita in gruppo è bene avere a disposizione circa due ore e mezza dall'arrivo al parcheggio.
Nei dintorni ci sono molti altri luoghi interessanti da visitare.
Per itinerari di una giornata chiedetemi un consiglio.